Poppate e letture notturne- Un saluto veloce


Buongiorno lettori!
Quante cose sono successe dall'ultima volta che mi sono seduta a scrivere su questa pagina bianca!
Vi avevo raccontato che aspettavo un bambino, un fratellino che Elaide ha desiderato e voluto sin da subito. Nove mesi sembravano davvero tanti, io poi sono una persona impaziente, avrei voluto averlo immediatamente, gennaio 2018 mi sembrava lontanissimo. Ma si sa che il tempo è tiranno, scorre così velocemente che dopo le vacanze estive ho riposto i costumi da bagno ed è arrivato subito Natale, una gran voglia di festeggiarlo ha trasformato la casa con luci e addobbi prima del previsto. Abbiamo stappato lo spumante dopo la mezzanotte per salutare il nuovo anno, e li ormai era chiaro, fra qualche settimana avremmo abbracciato Antonio, e lui non si è fatto più attendere, con due settimane di anticipo rispetto alla data presunta del parto ha deciso di venire al mondo a conoscere la sua famiglia. Un'esperienza intensa, naturalmente indimenticabile, un dolore lancinante che lascia il posto alla felicità e all'incredulità di aver dato vita ad una piccola creatura che dipenderà totalmente dalla sua mamma.
Ed eccomi qui, a venti giorni dal parto, indubbiamente stanca e assonnata, a riorganizzare la mia vita, i miei orari, a dividere gli abbracci e le coccole, a cercare di essere punto di riferimento di una famiglia che è cresciuta con gli anni, a cui io ho voglia di trasmettere serenità e calore.
Si torna indietro a destreggiarsi fra pannolini e poppate ma credo che sia importante continuare a dedicarsi del tempo, continuare a portare avanti quegli hobby che mi fanno evadere se pur per poco tempo nell'arco della giornata. Leggere e avere un libro sul comodino continua ad essere una mia buona abitudine, leggo specialmente la notte (lo facevo anche quando avevo Elaide neonata), durante le poppate notturne, una pagina, un capitolo, due, non importa, è così che stanotte ho finito di leggere "Olga di carta - Jum fatto di buio", un libro con delle belle illustrazioni di cui vi parlerò a giorni, e sono sicura che quando lo guarderò riposto nella mia libreria lo ricorderò sempre come uno dei libri che mi ha tenuto compagnia durante un periodo dolcemente delicato della mia vita.

Dopo queste poche righe usate per salutarvi vi abbraccio tutti, con la speranza di farmi sentire presto e di riprendere i ritmi del blog


Commenti

  1. Auguri Nunzia, sono contenta per te ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Patrizia, sei sempre gentilissima!

      Elimina
  2. Ciao Nunzia che piacevole chiacchierata! Ti capisco benissimo il passaggio da uno a due bimbi si fa sentire ma è anche meraviglioso. I miei bimbi hanno due anni di differenza e puoi ben immaginare come stavo in quei periodi, sempre stanca e con mille cose da fare ma mai senza un libro. Ho letto anch'io Jum fatto di buio molto tenera come storia mi è piaciuta molto!!! Un forte abbraccio e nonostante la stanchezza che prende il sopravvento goditi questi momenti ! Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa, i miei si passano poco più di quattro anni, la grande è mooolto attenta nei confronti del nuovo arrivato, hai ragione, le cose da fare si moltiplicano ma si cerca di fare tutto con gioia e con il sorriso! Grazie mille! abbracci

      Elimina
  3. Ti abbraccio anche qui cara Nunzia, te soprattutto che sei la regina della famiglia, ma anche i tuoi piccoli, Ely sorella maggiore e Antonio, il nuovo arrivato. Buone poppate/letture

    RispondiElimina
  4. Noi, tra una poppata e l'altra, tra una pagina e l'altra, non ci perdiamo di vista! Ancora una volta il reale - fatto di manine, pannolini, sorrisi, occhiaie e facce buffe - supera di gran lunga il virtuale ;) ❤
    ❤ ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi e la nostra filosofia di vita, fortuna che ci sei nel mio reale!

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari