lunedì 27 febbraio 2017

La tela russa - S. Perin | Vietato leggere all'inferno - R. Gerilli | Mi hai ridato la vita - S.Versari | Il rubino intenso dei segreti V. Picchiarelli



Buongiorno e buon inizio settimana lettori,
oggi dedico il mio spazio e il mio tempo ad una piccola parte delle mail che ho in coda, non so se riuscirò a smaltirle tutte e in quanto tempo...dovrò trovare una soluzione per questa rubrica!
Comunque, eccovi qualche nuova e meno nuova pubblicazione...













Titolo: La tela russa
Autore: Sonia perin
Editore: Lettere Animate Editore
Pagine: 188
Prezzo: € 14.00
Acquistabile su Youncanprint


Asia Colmar è l’unica a conoscere il piano ed è l’unica che li può fermare.
Lei può salvare Venezia, ma per farlo deve stare al loro gioco.

Asia Colmar, alias Antonia Verga, è un’ex agente, della Cia prima e della Dis dopo, che vive in condizione protetta e sotto falso nome a seguito di un attentato, un’autobomba a lei destinata che è però costata la vita a suo marito, anch'egli agente segreto. Giudicata non idonea e affetta da stress post traumatico, nonché facile bersaglio per i terroristi, viene messa in congedo obbligato. Durante un’azione antiterroristica che si era svolta mesi prima alla stazione di Venezia, infatti, Antonia era stata involontariamente testimone di una “passaggio di mano” tra uno dei terroristi autori della strage e un individuo che pareva far parte della Dis. Ora, a distanza di anni, una pericolosa minaccia incombe su Venezia e l’unica speranza di salvezza è nelle sue mani. Il carnevale rischia di trasformarsi in un’enorme maschera di sangue e distruzione ordita dall’Isis e da alcuni terroristi russi. Un passato che non vuole essere dimenticato e che torna, più potente e reale che mai, nella mente e nel cuore di una donna. Un incubo soffocante che si nutre degli ideali dell’estremismo islamico.

Asia Colmar è una donna che ha cambiato vita. Ha deciso di intraprendere una strada diversa e decisamente meno pericolosa di quella che conduceva fino a qualche anno prima. E’ forte e determinata, una “tosta” mascherata da semplice impiegata di un’agenzia di viaggio veneziana invischiata, suo malgrado, in un diabolico piano per mettere in ginocchio la millenaria città lagunare, e con essa l’Italia intera.

La tela russa è il poliziesco della veneziana Sonia Perin, già autrice di numerose pubblicazioni di narrativa e poesia dal 2008 ad oggi, ed è il primo capitolo di una serie che vedrà come protagonisti non solo Asia Colmar, ma anche un altro fondamentale personaggio, nucleo portante della vicenda, il terrorista Simon Fjòdor.

«Il romanzo è nato sulla spinta della mia prepotente voglia di scrivere, di fissare sulla carta ciò che la mia fantasia, prendendo spunto da fatti purtroppo reali, mi suggerisce - spiega l’autrice - ho voluto scrivere qualcosa di diverso dal solito, che si discostasse sia dai miei scritti passati che dalle tematiche thriller/poliziesche più in voga.»












Titolo: Vietato leggere all'inferno
Autore: Roberto Gerilli
Editore: Speechless Books
Pagine: 412
Genere: thriller, pulp, distopico
Prezzo: € 15.90
Ebook: Gratis
Scaricabile su Amazon


Amleto Orciani vive in un’Italia molto simile alla nostra, dove però la letteratura è illegale. I lettori sono tossicodipendenti, si fanno di Guerra e pace e la Guardia di Finanza punisce il traffico di e-book e tascabili con la galera o la riabilitazione forzata.
Amleto è uno di loro, un ostinato sniffa-inchiostro che ha iniziato da piccolo e non ha più smesso. Quando Eleonora lo contatta per proporgli un sacco di soldi e un’impresa folle che rivoluzionerà l’editoria, Amleto accetta il rischio e finisce coinvolto nelle attività clandestine del Circolo, alle quali, scoprirà sulla sua pelle, sono interessati in parecchi, primo fra tutti il misterioso Bibliotecario.

Accompagnato dalla prefazione di Giovanni Arduino, Vietato leggere all'inferno è un thriller pulp a sfondo distopico che si cala nella cultura trash contemporanea, riprendendo lo stile ironico e disincantato del moderno noir americano.
In un mondo in cui i libri sono vietati e la cultura fa male, le uniche alternative a una vita da fuorilegge sono la resa o la ribellione.

E tu, rinunceresti a leggere per sopravvivere?

Mi chiamo Amleto Orciani e sono un libromane. Ho trentacinque anni e mi faccio dall'età di dodici, quando la lettura era ancora legale. Ho iniziato per scherzo con L’isola del tesoro e non ho più smesso.
Leggere è la prima cosa a cui penso quando mi sveglio e l’ultima prima di andare a dormire. Sono talmente assuefatto da conoscere il significato di parole come paradosso, pennivendolo e opulenza. Insomma, uno sniffa-inchiostro senza speranza.
Vivo vicino ad Ancona, lavoro come inserviente in un discount di bricolage e arrotondo spacciando romanzi alla gente della zona. La mia vita non è un granché, ma mi ci trovo. Il problema è che vorrei avere più soldi, per questo accetto di aiutare Eleonora.
La ragazza è brava, ma così folle da voler cambiare il mondo dell’editoria da sola. Per seguirla mi tocca coinvolgere amici discutibili e incontrare gente che preferirebbe vedermi morto (il Bibliotecario ti dice niente?). Meno male che ho dalla mia Caterina, una camgirl con un secondo lavoro ancora meno presentabile del primo, però non sono sicuro mi possa salvare il culo, stavolta. Se ne esco vivo, giuro che smetto di leggere. Forse.

Vietato leggere all'inferno racconta la mia storia. Non insegna qualcosa che vale la pena conoscere, non ci sono buoni sentimenti o altre cazzate ma per sballarsi con gli amici è perfetto. Provalo, e fammi sapere se funziona.


Roberto Gerilli è un lettore anconetano di trentasei anni. Non esce mai da una libreria senza aver comprato almeno un libro, riconosce gli editori dall'odore della loro stampa e vive in una casa in cui ci sono più librerie che armadi. È talmente dipendente dalla lettura che ha cominciato a scrivere. E ha scritto un libro sui libri.
Nel 2014 ha pubblicato il suo romanzo d’esordio, Città Senza Eroi, per UteLibri, mentre nel 2015 e nel 2016 sono usciti Questo non è un romanzo fantasy! e Apo­calypse Nerd, entrambi editi da Plesio.

Editore
Realtà editoriale no profit nata nel 2012, Speechless Books ha esordito con una rivista letteraria da venti milioni di lettori, Speechless Magazine. Successivamente, ha pubblicato il romanzo urban fantasy / young adult di Emanuela Valentini da più di duecentomila download, La bambina senza cuore, e un alcuni racconti di Eleonora C. Caruso (Col nostro sangue hanno dipinto il cielo), Andrea G. Colombo (La lapide di ardesia) e Chiara Palazzolo (Damasco e dintorni). Oltre ai progetti per il sociale Diari dal sottosuolo e What women don’t want – Il web contro la violenza sulle donne, Speechless coltiva belle storie e autori di talento, spesso ancora poco conosciuti. Gli e-book sono gratuiti e scaricabili dal sito ufficiale www.speechlessmagazine.com e dagli store online.












Titolo: Mi hai ridato la vita
Autore: Serena Versari
Editore: Selfpublishing
Pagine: 218
Genere: Romance
Prezzo: € 9.72
Ebook: € 1.99
Acquistabile su Amazon



Un evento traumatico del passato può condizionarci a tal punto da credere di non meritare più nulla nella vita? E quanto una persona appena conosciuta, può essere in grado di penetrare nel nostro cuore, liberandoci da quelle pesanti catene?

Scarlett ha 23 anni e trascorre le sue giornate in uno stato di sopravvivenza, incapace di prendere in mano le redini della sua esistenza. 
Un giorno, il suo datore di lavoro la invita a trascorrere il mese di dicembre insieme a lui e alla moglie, tra le montagne innevate di Madonna di Campiglio.
In quel paesino dai tratti fiabeschi e arricchito dalla magia del Natale, la sua strada s’incrocerà con quella di Cris, un ragazzo che la ipnotizzerà con il suo meraviglioso sorriso e i suoi modi scherzosi. 
Riuscirà Scarlett ad accettare quel meraviglioso regalo che la vita le offre, o il passato sarà troppo opprimente per lasciarle questa possibilità?













Titolo: Il rubino intenso dei segreti
Autore: Viviana Picchiarelli
Editore: Bertoni Editore
Pagine: 437
Genere: Women's fiction
Prezzo: € 16.00
Ebook: € 4.99
Acquistabile su Amazon


Rubino intenso è il colore di uno dei vini più prestigiosi prodotti ne “La Tenuta del Grappolo” dalla famiglia Capotosti. Gestita dai fratelli Gianfranco ed Enrico, dalle personalità diametralmente opposte, la tenuta è cresciuta e si è affermata nel corso dei decenni grazie alla guida ferma e decisa della madre Olivia, donna dal temperamento di ghiaccio sulla quale, però, si è abbattuta la scure dell’Alzheimer. Pur nella dimensione ovattata in cui la malattia l’ha relegata, Olivia continua indirettamente a influenzare le esistenze di tutti coloro che gravitano – e che hanno gravitato – tra le mura della tenuta. Tra questi, il nipote Michele, erede designato dell’azienda di famiglia per volere del padre Gianfranco, al quale è legato da un rapporto profondamente conflittuale. Obbligato a mettere da parte il sogno di diventare pianista, Michele diventa suo malgrado un imprenditore avido e spregiudicato, anche per cercare di buttarsi alle spalle la rabbia per la fuga improvvisa – avvenuta anni addietro – della cugina Greta, con cui aveva vissuto una storia d’amore intensa e passionale. Il ritorno inaspettato di Greta, ex ballerina di danza classica costretta a rinunciare alla carriera a causa di un brutto incidente, sarà solo il primo degli eventi che sconvolgeranno per sempre gli equilibri apparenti su cui la storia imprenditoriale e umana dei Capotosti si era andata definendo nel tempo.
“Il rubino intenso dei segreti” è un ritratto spietato e senza filtri su dinamiche familiari viziate da menzogne e silenzi colpevoli in cui le figure femminili giocano il ruolo di carnefici più o meno coscienti.

“Anche se cerchiamo di convincerci del contrario, l’incapacità tutta umana del non saper vivere situazioni e persone nelle contemporaneità  del loro manifestarsi fa di ognuno di noi dei ritardatari cronici, costretti a fare i conti con i rimpianti, prima ancora che con i rimorsi.”

Viviana Picchiarelli, autrice umbra, dopo aver partecipato con i propri scritti a numerose antologie, si dedica a progetti monografici pubblicando nel 2012 la raccolta di racconti “Reale Virtuale – ritratti di donne nell'era digitale” (Bertoni Editore) e nel 2013 il romanzo “La locanda delle emozioni di carta” (Bertoni Editore), la cui versione e-book è stata per settimane ai primi posti della classifica di Amazon.
Pubblica, poi, nel 2014 i due racconti “Il letto intatto” e “Di amore e Luce”, esclusivamente in formato e-book Amazon.
Fa parte da anni del gruppo letterario delle WOMEN@WORK, fondato nel 2009 da Costanza Bondi, con la quale collabora anche in veste di co-curatrice per la pubblicazione di alcuni progetti antologici di poesie e racconti, l’ultimo dei quali presentato in occasione di Umbria Libri 2016: “(Wo)men in giallo – brividi alla tastiera.”
“Il rubino intenso dei segreti”, il suo secondo romanzo, è uscito in anteprima nell’ambito della manifestazione Umbria Libri 2016, sempre per Bertoni Editore e con il marchio WOMEN@WORK.
Appassionata di tutto ciò che riguarda l’arte, in ogni sua declinazione, è costantemente alla ricerca di spunti e suggestioni che possano dar vita a nuove storie da raccontare.

A presto :)


lunedì 20 febbraio 2017

Il labiritnto degli spiriti - Carlos Riuz Zafòn



Buon pomeriggio!
Felice di ritrovarvi qui e felice di raccontarvi, con un pochino di fatica, la mia idea su uno dei libri che non mi sarei lasciata scappare ( poi il fatto che io lo abbia vinto e ricevuto grazie a Tessa è stato un colpo di fortuna), vi lascio il mio pensiero aspettando il vostro :)











Titolo: Il labirinto degli spiriti
Autore: Carlos Ruiz Zafòn
Editore: Mondadori
Pagine: 819
Genere: Romanzo straniero
Prezzo: € 23.00
Ebook: € 10.99



Raccontarvi questo libro non sarà facile, lo scrittore ha tessuto una ragnatela di avvenimenti che si susseguono come fili microscopici al fine di intrappolare il lettore in quello che sarà uno dei viaggi più lunghi e più completi della quadrilogia. Ma facciamo un passo indietro, e facciamolo insieme, dimentichiamoci per un attimo del primo e bellissimo libro di Zafòn, "L'ombra del vento" che ha dato inizio alla saga, torniamo alla trama di questa lettura.
Siamo a Barcellona verso la fine degli anni '50 dove troviamo un Daniel non più bambino, un uomo dall'animo stravolto e a tratti cupo. Con lui c'è sua moglie Bea, suo figlio Juliàn e l'inseparabile amico Fermìn. In questo libro fanno anche la comparsa due nuovi personaggi che sono il fulcro del racconto fino a quasi la fine della storia, Alicia Gris, una bambina sopravvissuta alla guerra ma che porta ancora ferite profonde. Uno di quei fili sottili creati dallo scrittore la conduce a Fermìn e anche per questo lei non potrà esimersi dall'aiutare Daniel a far luce su uno degli uomini più influenti del Regime,  Don Mauricio Valls, scomparso con la sua fedele guardia del corpo. Poi c'è il Capitano Vargas, un uomo possente, forte, spalla destra di Alicia, un uomo in giacca e cappotto, affascinante, ipnotico, come se ne vedevano spesso in quegli anni. Non mancano nella storia un libro misterioso e la vita del suo scrittore, Vìctor Mataix, detenuto per anni nel castello di Montijuic, insieme ad un altro degli "scrittori maledetti" David Martìn, un uomo non in pace con se stesso.
Le indagini per ritrovare in vita Valls partono dalla sua monumentale villa, dove sua moglie è gravemente malata e la sua unica figlia si rifugia in una solitudine in un capanno stracolmo di bambole dagli occhi vitrei, attraversano Madrid e Barcellona, passano dalla libreria dei Sempere, coinvolgono il vecchio guardiano Isaac e il Cimitero dei libri dimenticati. Leggerete di omocidi, estreme prigionie, tradimenti. Forse vi chiederete il perchè di alcune scelte dell'autore, come ho fatto io, farete fatica ad abbandonare alcuni personaggi e vederne altri sotto una diversa ottica ma sono convinta che per gli amanti di Zafòn sarà una bella lettura.
Sono passati dodici anni da quando ho letto L'ombra del vento, il tempo trascorso me lo ricorda la sinossi di questa ultima opera, io non credevo ne fosse passato così tanto. Ho comprato a scatola chiusa e poi letto anche Il gioco dell'angelo e Il prigioniero del cielo, che non mi hanno appassionata e coinvolta come speravo, ricordo di averli trovati incompleti, fuori linea. Oggi ne ho una visione diversa, erano due libri preparatori, ci introducevano personaggi e avvenimenti che adesso, come quella famosa ragnatela, trovano il loro posto. Dopo le lettere nascoste e i messaggi cifrati la voce narrante che ci accompagna verso l'epilogo (non vi dirò chi è per ovvie ragioni), ci apre gli occhi, scioglie tutti i nodi, ci presenta le vicende raccontate con semplicità e chiarezza, lasciando, come solo i bei libri sanno fare, quel senso di nostalgia e distacco forzato.
A questo punto la domanda è lecita, ma come Nunzia, direte voi, su più di 800 pagine tu ci presenti una recensione breve e coincisa, dovresti dirci altro! Credetemi che non posso, parlare di un solo personaggio non è affatto facile, Zafòn ne tira in ballo sempre un altro e un altro ancora, allora io dovrei stare qui a raccontarvi tutto il libro, a descrivervi i caratteri dei protagonisti, i luoghi magici e misteriosi, la sensazione che si prova ad entrare di nuovo e virtualmente nel Cimitero dei libri dimenticati e sentirne quasi quasi l'odore della carta e della polvere. Mmmmm no, non voglio togliervi il piacere della lettura.
Ci tengo a ricordarvi che pur essendo una quadrilogia i libri possono essere tranquillamente letti separatamente. Ognuno di loro ha una storia indipendente e una fine. Possiamo dire che ogni libro è una porta diversa per entrare nel labirinto.

Zafòn si dimostra maestro degli intrighi e riporta le emozioni quasi allo stesso livello del suo capolavoro "L'ombra dal vento", una storia indubbiamente lunga, in cui alcuni lettori magari a tratti arrancheranno fra le indagini, ma che vale la pena portare a termine per avere, come ho detto su, una sensazione di completezza.


giovedì 16 febbraio 2017

Charlotte: La storia della piccola Brontë - Antonella Iuliano




Buongiorno lettori,
come state? che fate? Io cerco di recuperare tutte le segnalazioni che ho in coda, come sempre sono tante e sapete che ho l'abitudine di postarne più di una. Oggi però sarà diverso, voglio dare spazio ad Antonella Iuliano e al suo romanzo. Charlotte è davvero una storia tenera e scorrevole, vi lascio qui un mio breve pensiero che risale a quasi due anni fa, per questo motivo alcuni dati saranno diversi rispetto  quelli riportati nella scheda di fianco alla cover del libro. 
Il romanzo è stato revisionato e pubblicato con una diversa casa editrice, sarà sicuramente ancora più interessante!








Titolo: Charlotte: La storia della piccola Brontë 
Autore:  Antonella Iuliano
Editore: Genesis Publishing
Pagine: 302
Genere: Narrativa storica
Prezzo: € 11.60
Ebook: € 3.99
Acquistabile su Amazon - Genesis Publishing
Booktrailer




Sono trascorsi pochi anni dalla fine della guerra nella quale Charlotte Stevens ha perso suo padre. Adesso vive con la madre e l’anziana nonna in un paesino nell'entroterra del Suffolk, in Inghilterra, ma nulla sembra soddisfare il suo animo irrequieto, nessuna vera aspirazione è in grado di farle sognare il domani. I suoi giorni di sedicenne si trascinano monotoni fino a quando, in un tedioso pomeriggio, s’imbatte in un libro, un romanzo destinato a cambiarle la vita per sempre: Cime tempestose di Emily Brontё. L’incontro travolgente con le pagine dell’autrice vissuta un secolo prima accende in lei il desiderio smanioso di emozionarsi ancora e ancora, semplicemente leggendo. Sulle tracce di chi ha scritto la romantica a tetra storia di Heathcliff e Catherine, Charlotte conosce una donna che nel suo elegante salotto custodisce tesori preziosi, i grandi classici della letteratura. Qui fa la “conoscenza” di Charlotte Brontё quando la signora Chloe le affida una copia di Jane Eyre. È l’inizio di un grande amore letterario, di un viaggio senza ritorno, di pomeriggi d’incontri e di letture accompagnate da fumanti tazze di tè che pian piano dissipano le nubi all'orizzonte e portano la ragazza a scoprire la propria vocazione: la scrittura. Ma mentre la donna e la ragazza vivono immerse nella dolce fantasia letteraria, la vita ha già scritto per loro la sua trama.


“Un romanzo delicato e coinvolgente. Charlotte - La storia della piccola Brontë rappresenta un manifesto alla passione per la Lettura, che sfocia inesorabilmente nella Scrittura. L’Autrice, con il suo stile senza artefici ma capace di far affiorare sensazioni antiche, conduce la protagonista Charlotte in un nuovo mondo, là dove è possibile realizzare i propri sogni. Durante l’intreccio, incontriamo un personaggio emblematico, quale quello della Signora Cloe, che diventerà una sorta di mentore per Charlotte, di certo una guida tra le insidie del primo amore e della vita della ‘piccola Brontë’.

Consigliato agli amanti della narrativa emozionale, di quei romanzi che lasciano il segno attraverso atmosfere e sentimenti intramontabili.”
[L'Editore]



Antonella Iuliano nasce nel 1983 ad Atripalda (AV). Sin da piccola nutre una profonda passione per i libri. Il suo primo romanzo Come petali sulla neve trova compimento nel 2012, seguito da Charlotte - La storia della piccola Brontë, un romanzo semi-autobiografico ispirato al mondo delle sorelle Brontë. Appassionata di classici inglesi e russi, si classifica al 3° posto nella IV edizione del Premio De Leo – Brontë con il racconto Il profumo della brughiera, inserito nell'antologia Brontëana 2015.

Ama scrivere di notte, adora il tè inglese e sogna un lungo soggiorno a San Pietroburgo. 



Penso di avervi detto tutto per oggi, 
vi lascio girovagare ancora per il blog se vi va, e vi abbraccio virtualmente!

lunedì 13 febbraio 2017

L'altro figlio - Sharon Guskin



Buon pomeriggio lettori!
Finalmente ci siamo trasferiti nella nostra casetta nuova, ancora dobbiamo abituarci ai nuovi spazi ma almeno siamo più sereni. E con il trasferimento è tornata finalmente la possibilità di avare questa benedetta rete WI-FI che in alcuni momenti mi è proprio mancata, in altri meno, lo ammetto, ogni tanto "disintossicarsi" dagli schermi fa anche bene.
Sapete, o forse no, che ho finito di leggere "Il Labirinto degli spiriti", il nuovo libro di Zafòn, ve ne parlerò fra qualche giorno. Intanto vi faccio leggere l'incipit del libro che ho sul mio comodino, un grazie immenso a Neri Pozza per avermi inviato la copia!

Dieci giorni prima del suo trentanovesimo compleanno, nel giorno più grigio del febbraio più freddo a memoria d'uomo, Janie prese quella che si rivelò la decisione più importante della sua vita: partire per una vacanza.
Trinidad non era la scelta più azzeccata, forse: per andare così lontano, tanto valeva optare per Tobago o il Venezuela.
Ad attirarla fu il nome così musicale: Trin-i-dad. Una promessa di felicità. Comprò il biglietto meno caro che trovò e arrivò quando i festaioli del carnevale erano ormai sulla via del ritorno e nelle canalette lungo le strade c'era il pattume più colorato e divertente che avesse mai visto. Le strade erano vuote, la gente a dormire per riprendersi dai bagordi. Gli spazzini si muovevano lentamente, quasi fossero sott'acqua, placidi e soddisfatti. Jane raccolse coriandoli variopinti a manciate e se li mise in tasca insieme con piume luccicanti e gioielli di plastica, come per assorbire la loro frivolezza per osmosi.
Nel suo hotel stava per essere celebrata la festa di nozze tra un'americana e uno di Trinidad, e la maggioranza delle camere era occupata dagli invitati. Osservò i capannelli di zii e cugini della sposa morti di caldo, le guance arrossate dal sole che li facevano sembrare più contenti di quello che erano, i parenti dello sposo che ridevano e parlavano a velocità supersonica il dialetto della zona.
Il tasso di umidità era altissimo, ma il caldo abbraccio del mare rendeva l'afa più sopportabile e consolava i single. La spiaggia era esattamente come in foto, palme, colline verdeggianti e acqua cristallina, e gli insetti che pizzicavano le caviglie ti ricordavano costantemente che non era un sogno, ma la realtà.

Questa prima pagina fa venir voglia di partire, ma secondo voi perchè questa vacanza potrebbe cambiare la vita della protagonista? 
Io lo so ma non ve lo dico!!!!