mercoledì 8 luglio 2015

La ragazza di Orchard Street- Susan Jane Gilman/ Volevo essere Lady Oscar-Marie.Renèe Lavoie



Due nuove uscite il 7 Luglio, a mio avviso interessanti...



Titolo: La ragazza di Orchard Street
Autore: Susan Jane Gilman
Editore: Piemme
Pagine: 530
Genere: Romanzo straniero
Prezzo: 19.50
Ebook: 9.99
Data di pubblicazione: 7 Luglio 2015


Malka è solo una bambina quando, nel 1913, fugge con la sua famiglia dalla Russia per approdare a New York. Una bambina che sogna di vivere in una fabbrica di gelati e non sa nulla dell'immenso paese che l'aspetta. Qui, nelle strade del Lower East Side, in mezzo a mille lingue e mille sogni diversi, Malka viene adottata da una famiglia italoamericana di venditori ambulanti di gelato, i Dinello, che la ribattezzeranno Lillian. Grazie a loro, il suo sogno infantile sembra quasi diventare realtà: comincia a imparare tutti i segreti di quella cosa - il gelato - che per lei voleva dire felicità. Da allora ne ha fatta di strada: insieme all'uomo che sarà il suo primo grande amore, grazie a un'intelligenza del tutto fuori del comune e a un innato genio degli affari, Lillian finirà per rilevare l'attività dei Dinello e diventare la produttrice numero uno di gelati in America. Ma mentre lei diventa una celebrità, immortalata dai fotografi con il suo tailleur Chanel rosa fragola (molto prima di Jackie), il passato comincia ad allungare i suoi artigli su di lei. Perché non possiamo mai davvero lasciarci alle spalle ciò che siamo stati da piccoli. Un romanzo sul sogno americano, che attraversa tutto il '900, la storia di una vita straordinaria raccontata dalla protagonista stessa, Lillian Dunkle, un personaggio che prende vita nelle pagine mentre racconta, a settant'anni, la sua storia di ascesa e declino, di povertà e poi ricchezza, di amori e poi di abbandoni, di celebrità e poi di rimpianti.

Susan Jane Gilman, newyorkese di nascita, oggi vive a Washington. Collaboratrice di molti giornali, dal «New York Times» al «Los Angeles Times», ha vinto numerosi premi per i suoi racconti e saggi. Per Piemme ha pubblicato con successoRagazze non troppo per bene e Non volevo il vestito bianco, per settimane in cima alla classifica dei bestseller del «New York Times».






Altra bella pubblicazione è questa della Sperling & Kupfer, sarà che io ci sono cresciuta con Lady Oscar, sarà la Cover, ma io lo metto in lista!



Titolo: Volevo essere Lady Oscar
Autore: Marie-Renèe Lavoie
Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 218
Genere: Romanzo straniero
Prezzo: 16.90
Ebook: 9.99
Data di pubblicazione: 7 Luglio 2015



Il suo nome è Hélène, ma si fa chiamare Joe e vuole essere trattata come un maschio per assomigliare a Lady Oscar, l'eroina del suo cartone animato preferito. Come lei, vorrebbe vivere in un'epoca leggendaria e compiere grandi gesta eroiche con i capelli al vento, perché ha un animo romantico e una fantasia avida di drammi epici. Per sua sfortuna, vive però negli, anni Ottanta, in un quartiere popolare di Québec in cui si aggirano molti ex pazienti di un istituto psichiatrico (più che alla corte di Versailles, assomiglia a una corte dei miracoli) e dove l'unica grande impresa alla sua portata è la consegna dei giornali all'alba. Dopotutto, ha solo otto anni, anche se finge di averne dieci. Il suo mondo è fatto di tre sorelle, un padre molto occupato a essere malinconico e una madre dal pugno di ferro. E poi c' è Monsieur Roger, il vicino ottantenne che passa le giornate a fumare, bere birra e imprecare, mentre aspetta con impazienza che giunga la sua ora. Contro ogni aspettativa, a furia di battibeccare, tra la ragazzina impertinente e il vecchio scorbutico nasce un'amicizia indissolubile, e Roger diventa per Hélène un improbabile angelo custode: pronto a guidarla tra le piccole avventure quotidiane in quelle strade di periferia e a vegliare su di lei quando si ritroverà smarrita. Perché crescere è anche conoscere le prime delusioni: sentire arrivare - come Lady Oscar - quel vento della rivoluzione che spazza via il mondo come l'abbiamo sempre conosciuto.

Marie-Renèe Lavoie è nata nel 1974 nel quartiere popolare di Limoilou, nella città di Quèbec. Laureata in letteratura quebecchese all'Università Laval, insegna lettere al Collège Maisonneuve di Montrèal. Il suo romanzo d'esordio, Volevo essere lady Oscar, ha ottenuto in patria uno straordinario successo di pubblico e critica, diventando un vero e proprio cult. La sua fama è arrivata anche all'estero (quattro le lingue in cui ora è tradotto) e ne sarà tratto un film.

Ditemi cosa ne pensate, quale dei due libri ha suscitato il vostro interesse, come sempre aspetto i vostri commenti!


2 commenti: