lunedì 18 gennaio 2016

Questo è un bel libro-A.Corbino/ Homeron Etark-F.Giuffrida/ Josepha e la pozione dell'eterna giovinezza- V.Agosta/ Favola di una falena-A.Del Debbio



Buon lunedì,
e come ogni lunedì, ecco gli scrittori emergenti. Anche questa volta un post che racchiude quattro segnalazioni, le richieste sono davvero tante e allo stesso tempo credo che un post unico possa essere letto e condiviso da più persone. Pronti? Via a leggere...











Titolo: Questo è un bel libro
Autore: Alberto Corbino
Editore: Iemme Edizioni
Pagine: 216
Genere: Romanzo italiano
Prezzo: €9.90
Acquistabile su Mondadoristore



La storia di Tano, Momo e Froid: nord e sud e poi tanto sud, che si incrociano dalla prima adolescenza all'ultimo addio trent'anni dopo, cervello e anima attorcigliati da un filo sottilissimo che è seta e acciaio insieme. Il primo vero romanzo di Alberto Corbino, il primo in cui si sorride e si ride con lacrime e a cento denti, il primo libro scritto solo col cuore a guidare la penna, perché quando si parla di amicizia non c'è altro modo per farlo.

Il titolo strizza l’occhio, il libro no, perché è “scritto solo col cuore a guidare la penna, perché quando si parla di amicizia non c’è altro modo per farlo”.

Il libro parla di vita vissuta a vari ritmi (ogni capitolo è preceduto da alcuni versi da canzoni per me importanti, come una colonna sonora), e descrive “vite di appassionata trincea, solitudini vissute in maniera diversa, immersi in un mondo da avanspettacolo che rende tutto più lieve e leggero”.


Alberto Corbino (Napoli, 1969), laureato in Scienze Politiche internazionali, ha usurpato un dottorato in Geografia umana a Padova e coltiva una passione non corrisposta per l’America latina e il Mediterraneo. Vive e fa finta di lavorare a Napoli, dove si occupa di teoria e pratica delle politiche di sviluppo sostenibile (ma da molto prima che ciò diventasse una moda). È talmente egocentrico che, oltre a numerosi articoli tecnico-divulgativi, ha pubblicato il romanzo breve Manguste Metropolitane (Avagliano Editore, 1996) e la raccolta di racconti Il Mare che non scappa, che include la commedia Malformazione professionale – diario di classe di stranoccupati partenopei (Arte Tipografica, 2001). Volontario della Ong di cooperazione allo sviluppo Mani Tese, si preoccupa di diffondere la cultura del viaggio responsabile con l’associazione il Vagabondo.












Titolo: Homeron Etark: Lunete, il corrotto e l'Oltreoceano
Autore: Francesco Giuffrida
Editore: Selfpublishing
Pagine: 478
Genere: Fantasy Epico
Prezzo: €24.00
Ebook: €3.00
Acquistabile su Amazon




L'epico viaggio di improbabili, sventurati e fragili eroi in un mondo avverso e crudele, eppure luminoso e leggendario. Un romanzo fantasy aperto a lettrici e lettori creativi.


È il tempo di Ilio e degli Dèi. Gli etark, il popolo nativo dell’Oltreoceano, coloro che abitano oltre le Colonne d’Ercole, vedono la propria terra sconvolta da un avvenimento terribile che li condurrà alla distruzione, se non saranno in grado di riscattarsi nei confronti dei loro fratelli umani. Sotto gli intrecci a loro riservati dal Fato, affideranno le loro ultime speranze alla giovane Catlyn e a suo fratello Hero: saranno loro ad intraprendere un epico viaggio che li porterà ben oltre i loro compiti e doveri. Amicizie, scontri, lotte e amori piomberanno su di loro in un mondo crudo e terribilmente diverso da casa. Incontreranno un eroe elleno senza passato, alla ricerca di imprese e gloria, come loro mandante di un compito senza una fine certa. Si imbatteranno in un nemico temibile. Se riusciranno a vincere questa sfida sarà forse possibile per gli etark salvarsi, altrimenti non rimarrà altro che l’oblio. Le loro azioni daranno il via ad una serie di eventi che echeggerà nel futuro, anche il più lontano, di tutto il popolo dell’Oltreoceano.

Estratto 


Uno strano silenzio era calato sulla città. Qualche bambino sgattaiolava via dalle porte delle dimore e andava sui tetti, insieme ai compagni, per poter vedere meglio quanto stava accadendo; i capifamiglia più premurosi sbarravano porte e finestre.
In quel momento, lungo la via principale, un giovanotto correva a perdifiato sospinto dal vento. Era alto, piuttosto magro, forse ancora non adulto ma dai suoi lineamenti trapelava tutta la predisposizione naturale ad affrettarsi nella crescita. D'altronde, così avevano deciso per lui le Divinità: avvenente, dolce con le etark ma di pugno fermo con i compagni d’avventura. Il suo nome era Hero, stava correndo verso casa. Doveva assolutamente chiamare sua sorella Catlyn: i loro amici li stavano aspettando sul tetto della dimora degli Howklas… a insaputa dei genitori. Svoltò giù per una strada secondaria e arrivò a un incrocio. Prese la destra e poi imboccò una stradina stretta fra due file di case così inclinate da formare un arco di pietra sui passanti. Finalmente arrivò alla porta del focolare. Il portoncino era in legno massiccio, sovrastato da un bassorilievo scolpito nella pietra, sopra il quale vi era una finestra. Hero aprì la porta per richiuderla subito alle proprie spalle.

Una volta dentro, al caldo, attraversò la stanza semi buia; l’ambiente era illuminato da una sola candela: il lume proiettava la luce su un enorme tappeto che arrivava fino all'altro capo della stanza, sotto al camino scoppiettante di braci. All'improvviso una folata di vento sollevò le pesanti tende alle finestre, facendo entrare qualche foglia. Hero si voltò, avvertendo qualcosa di strano.

La candela si era spenta; sul pavimento erano sparpagliati ramoscelli e sassi, tracce di una recente visita del figlioletto dei vicini: veniva spesso a giocare su quel grosso e morbido tappeto e si scordava sempre di ripulire. Niente di insolito. Scrollando le spalle per la mancata sorpresa si avviò verso le scale e in pochi leggeri passi arrivò al secondo piano.

“Catlyn!” chiamò sottovoce.
“Arrivo.”


CATLYN
 Nonostante Homeron Etark sia un romanzo dove non appaia subito un protagonista certo, da un certo punto del romanzo diviene chiaro che il protagonista c’è, ed è una lei, Catlyn. Ragazza etark cresciuta in Oltreoceano, timida e impacciata, fisicamente debole, addestrata per necessità al combattimento ma poco propensa ad esso, è la Wanakti degli etark, ossia protettrice di una delle più alte cariche religiose di questo popolo. L’intreccio parte frenetico e avventuroso, in effetti corale, ma poi si avvolge intorno a lei e al ruolo che ricoprirà nella saga: anche quando il punto di vista della narrazione non è il suo, l’oggetto del desiderio è lei, direttamente o indirettamente, lo sono le sue azioni o le sue scelte di percorso; perché Homeron Etark è, in definitiva, il suo percorso di crescita, lungo passi già prestabiliti per lei dal Fato. 


Francesco Giuffrida, studente universitario di Informatica, diplomato in Scienze Umane. Autore di Caponerd.it e Homeron Etark, il suo romanzo d’esordio, del quale ne ha realizzato ogni contenuto disponibile ad esso allegato, che si parli di disegni, video, app o sito web. Caratterialmente portato a condividere ciò che scopre -ed è un difetto, e un problema, essendo introverso e generalmente portato alla moderazione assoluta, nonché spesso in contraddizione con sé stesso, come ne ha appena dato prova- ha deciso di promuovere Homeron Etark con un progetto ad esso parallelo, “aperto a lettrici e lettori creativi”, per invitare a collaborare chi sentisse di rientrare in questa categoria, in modo che Homeron Etark e il mondo che lo circonda possano crescere nel modo migliore possibile. Prosaicamente, tutte le indicazioni sono disponibili su http://homeronetark.com/partecipa 














Titolo: Josepha e la pozione dell'eterna giovinezza
Autore: Valentina Agosta
Editore: Librinmente
Pagine: 68
Genere: Horror-fantasy
Ebook: €4.99
Acquistabile su Amazon-Librinmente




Josepha Camiller, scopre di essere una straga dopo aver salvato un coniglio in difficoltà. Entrerà a far parte di un mondo magico, sotterraneo. Andrà a studiare in una scuola di magia dove incontrerà persone che ben presto diventeranno suoi amici, ma conoscerà anche dei nemici da cui dovrà difendersi e cercherà di salvare il mondo magico dalle forze del male, ma non solo... 
Amore, passione, tenerezza e magia, tutto questo e molto altro è "Josephe e la pozione dell'eterna giovinezza" di Valentina Agosta.

"Cosa saresti disposta a perdere per salvare la vita di chi ami?"

Un romanzo di genere horror-fantasy che parla di amore, magia, mistero e creature fantastiche, racconta l'amore di una giovane donna, una madre che farà di tutto per salvare la sua famiglia dalle forze del male, ma per tutto c'è un prezzo, per sconfigere il male bisogna sempre rinunciare a qualcosa...















Titolo: Favola di una falena
Autore: Alessio Del Debbio
Editore: Panesi Edizioni
Genere: New Adult
Ebook: €2.99
Acquistabile su Amazon-Mondadoristore




Quarta di Copertina: Viareggio, settembre 2001. Sta per finire l'estate dopo la maturità: tempo di prendere decisioni importanti. Su questa premessa iniziano le avventure del turbolento Jonathan, della timida Francesca, della sognatrice Veronica e del rigoroso Leonardo, un viaggio nell'amicizia e nell'amore, una favola moderna di eroi coraggiosi che sopravvivono alla quotidianità aiutandosi l'un l'altro e credendo nei propri sogni. Falene in cerca di luce, destinate a non trovare mai riposo.

Tutto il resto non conta, tutto il resto si ferma alle porte della nostra amicizia.

Dopo la maturità, Jonathan e i suoi amici devono prendere importanti decisioni sul proprio futuro. Jonathan rinuncia a studiare, tuffandosi nel lavoro a tempo pieno, aiutando il cugino nella sua agenzia pubblicitaria, e cercando di recuperare la sua amicizia con Leo, incrinata da una ragazza che si era messa tra loro. Leonardo si iscrive a Medicina ma deve barcamenarsi tra le lezioni, lo studio e il prendersi cura della madre, psicologicamente instabile, e della sorella più piccola, che continua a sognare una famiglia unita, anche con il padre da cui si sono allontanati quando hanno lasciato Milano. Veronica sorprende gli amici, decidendo di iscriversi al Dams e andando a vivere a Bologna con il suo nuovo ragazzo, scardinando gli equilibri del gruppo. Francesca infine si iscrive a Lettere, sua grande passione, continuando a scrivere in un diario le avventure dei suoi amici, con l’idea un giorno di farne un libro, e faticando nel liberarsi del fantasma del suo defunto ex ragazzo che da sempre la ostacola nei suoi rapporti con il sesso maschile.
Su queste premesse iniziano le avventure di Jonathan e dei suoi amici, in quel periodo di passaggio che è la fine dell’adolescenza e l’inizio dell’età adulta. Un periodo in cui i sentimenti appaiono amplificati, a volte confusi, di certo molto intensi. Lo sa bene Veronica che lotta per inseguire un sogno e fuggire alla maledizione di Cenerentola, oppressa da una famiglia di “matrigne”. Da bruco diventerà una falena, sbattendo le ali in cerca della sua fiamma vitale.

Estratto: «Vorrei ricominciare a credere. Lo vorrei davvero. Credere che la vita abbia uno scopo e non sia soltanto un vuoto trascinarsi in giorni spesso uguali, credere che ci sia una luce alla fine del tunnel, che tutte le nostre sofferenze saranno ripagate. E che ci sia una persona, una sola, tra i miliardi che siamo, disposta a condividere la sua fede con me, a credere in me quanto io in lui, e a vivere lo stesso sogno. Pensi sia possibile, Leo?» (Veronica)

Nota: Per quanto "Favola di una falena" sia ambientato DOPO gli eventi di Anime contro e Oltre le nuvole, la lettura dei romanzi precedenti di Alessio Del Debbio non è obbligatoria, in quanto i libri sono costruiti per essere fruiti indipendentemente l'uno dall'altro.



Alessio Del Debbio nasce a Viareggio nel 1981. Appassionato di storia e mitologia, adora trascorrere il tempo libero leggendo, quasi divorando, romanzi storici o letteratura fantastica. Si laurea in Lettere Moderne con una tesi su Nick Adams, protagonista di alcuni racconti di “In our Time”, di Hemingway. Nel 2007 frequenta il corso di scrittura creativa organizzato da Divier Nelli, noto scrittore viareggino. Dal 2013 frequenta i Laboratori di Scrittura Creativa dell’Associazione Culturale “Le Otto Querce” di Viareggio, curati dallo scrittore e giornalista fiorentino Mirko Tondi. Nel 2011 pubblica “Oltre le nuvole – storie di amici”, romanzo young adults ambientato a Viareggio, cui seguirà, nel 2015, il prequel “Anime contro”.  Nel 2014 esce il racconto distopico “L’abisso alla fine del mondo”; Gds Edizioni. Dal 2012 al 2015 pubblica numerosi racconti in varie antologie, tra cui “I mondi del fantasy IV e V” di Limana Umanita Edizioni e “Racconti Toscani” di Historica Edizioni, molti dei quali riuniti nell’antologia “L’ora del diavolo”, vincitrice della III edizione del concorso ObiettivoLibro di Sensoinverso Edizioni e pubblicata a inizio 2016.

Pagina facebook dell’autore: “I mondi fantastici” 
Pagina facebook del libro: Favola di una falena


Dopo avervi fatto conoscere questi quattro autori e le loro opere vi chiedo come sempre il vostro parere...





7 commenti:

  1. Ringrazio Nunzia per la segnalazione e propongo ai lettori la formula "soddisfatti o rimborsati (a metà)". Acquistate, leggete, e se non vi piace, vi restituisco il 50% del "maltolto"... Mi piace vincere facile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te!!! Ma questa tua formula è un incentivo per dire che il libro non piace, io userei la formula: "Se il libro vi è piaciuto vi regalo un ebook a celta" ;)

      Elimina
  2. Mi solletica la copertina di Josepha e la pozione dell'eterna giovinezza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che il bianco e nero rispecchi il genere horror-fantasy

      Elimina
  3. Le streghe mi affascinano da sempre, Josepha non mi dispiacerebbe leggerlo, aspetto il tuo parere se lo recensirai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cuore, non lo leggerò, voglio smaltire prima la mia pila, ne ho uno in lettura adesso che si chiama Margot con tema la persecuzione delle "streghe"

      Elimina
    2. Un interessante, attendo allora.

      Elimina