mercoledì 27 aprile 2016

Iniziamo insieme "Equazione di un amore"- Simona Sparaco



Buongiornooooo,
ecco che dopo aver sbrigato le mie belle (si fa per dire) faccende di casa mi rilasso due secondi per proporvi un nuovo inizio:


In fisica quantistica, nessun oggetto ha una posizione definita se non quando interagisce con qualcosa d'altro. Come se le cose non esistessero sempre, ma si materializzassero in un luogo preciso solo quando sbattono contro uno sguardo.
Davanti a Lea, oltre la grande vetrata del soggiorno, dall'alto del diciottesimo piano di un grattacielo, Singapore luccica nella notte come un diadema, con le strade ancora sfrigolanti di fari accesi e i vuoiti geometrici dei condomini addormentati. Ed è reale. Almeno quanto il calice di vino rosso che le rinfresca i polpastrelli o la candela riflessa nel vetro, al centro del tavolo alle sue spalle.
Un pensiero sepolto, remoto, torna a sorprenderla. Un piccolo strattone nel cuore che la mente si preoccupa subito di mettere a tacere. Tornano le immagini di manuali di fisica e matematica, e di un ragazzo che osservava la realtà attraverso la lente della scienza, e che pure le ha insegnato ad amare la letteratura. Un ragazzo che forse non è nemmeno più reale. Di certo non è nella sua vita.
Reale è Vittorio, suo marito, che ora si sta alzando dalla sedia per venirle incontro, riflesso anche lui nel vetro della finestra.


Vi confesso una cosa, io non sono mai stata brava in matematica, sin dalle scuole elementari, quando la mia maestra, una per tutte le materie, alla lavagna scriveva "Problema" io iniziavo a sudare freddo. Nel corso della mia vita scolastica questa sensazione non è andata mai scemando, anche se sono sempre riuscita ad aggrapparmi ad un bel sei, figuriamoci parlare con me di fisica quantistica!

Ma lasciando correre i miei trascorsi matematici il libro si preannuncia molto promettente. 
Chi di voi lo ha già letto?


12 commenti:

  1. Ciao Nunzia, hai detto bene, promette benissimo!!! L' ho appena letto e sto scrivendo la recensione, a giorni la pubblico sul blog! Ti anticipo solo che è stata una lettura meravigliosa, forse fatica all' inizio a decollare ma dopo un colpo di scena la lettura scorre veloce e poi il finale...incredibile! Leggilo, sono curiosa di sapere che ne pensi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io a questo punto sono curiosa di leggere la tua recensione! Ma già da quello che hai scritto qui mi sono fatta un'idea!

      Elimina
  2. Bei ricordi (si fa per dire!) quelli della matematica al liceo. Questo è uno dei tanti motivi per cui sono estremamente felice di frequentare una facoltà di lettere moderne.
    Ancora ho gli incubi se penso ai problemi con le derivate da risolvere alla lavagna. Con la fisica invece ho sempre avuto un buon rapporto e questo è uno dei motivi per cui questo romanzo mi ispira. Vedremo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa, ho letto sempre recensioni positive per quanto riguarda questo libro e il mio sesto senso mi dice che non mi deluderà!

      Elimina
  3. Anch'io capra in matematica, come te, ma libro che a sorpresa mi è piaciuto tanto. Sarà che sono un po' Giacomo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando leggerò di Giacomo penserò un pochino anche a Michele

      Elimina
  4. Ciao, me lo ha reso oggi una signora, utente abituale della biblioteca. Peccato che oltre a farmi il riassunto si sia lasciata sfuggire il finale. Sigh
    Lea

    RispondiElimina
  5. Sembra decisamente una penna raffinata quella della Sparaco, già nella mia libreria :-) e curiosa di sapere che ne pensi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riesco a leggere a rallentatore, ma prima o poi arriverò alla fine!

      Elimina
  6. Mi incuriosisce molto questo romanzo! Ne possiedo un altro della Sparaco che non ho ancora letto per cui aspetto di conoscere il tuo parere per farmi un'idea :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, con Nessuno sa di noi mi sa che ha vinto il premio Tropea, io è il primo che acquisto, credo di aver fatto centro comunque!

      Elimina