giovedì 4 giugno 2015

Un terremoto a Borgo Propizio-Loredana Limone




Titolo: Un terremoto a Borgo Propizio
Autore: Loredana Limone
Editore: Salani Editore
Pagine: 320
Genere: Romanzo
Prezzo: 16.00
Ebook: 9.99




A Borgo Propizio va in scena l vita che, si sa, è fatta di cose belle e cose brutte. Cose belle, il borgo ne ha tante da sfoggiare da quando è risorto a nuova vita, con il Castelluccio restaurato e le imbellettate case del contado, ora affacciate sull'elegante pavè a coda di pavone della piazza del Municipio, e con l'elettrizzante fermento culturale che si respira già fuori della cinta muraria e che sicuramente fa rodere il fegato a fior di città d'arte. ma un giorno qualcosa di molto brutto, un violento sisma, arriva inclemente a distruggere ampia parte del centro storico, gettando nella disperazione i propiziesi che tanto amano il loro paese. La villa del Comune sembra una scatola con il coperchio sfondato; il pavè è sprofondato quasi agli inferi; i lampioni, ora ciechi e senza luce, con le bocce frantumate, appaiono piegati alla catastrofe; le botteghe e le abitazioni sono squarciate, orribilmente. Felice Rondinella, appassionato sindaco, vive l'immane disastro come un fallimento personale, e Padre Tobia si sente troppo stanco per portare il peso della croce. Perché non si tratta solo del terremoto: al borgo i peccati sono diventati incontenibili e le confessioni scandalo allo stato puro. Non si capisce più nulla, tutto è sottosopra. L'unico fatto certo è che il professor Tranquillo Conforti, trovato a terra nulla Viottola Scura, non ha avuto un infarto mentre scappava, spaventato dalle scosse, ma è stato ucciso. un assassino a Borgo Propizio? La faccenda si complica...


Loredana Limone è napoletana ma milanese di adozione, a nove anni scriveva poesie, al suo attivo ha libri gastronomici e per bambini. Ha esordito nella narrativa con Borgo Propizio, (qui) la recensione, premiato con una targa per la categoria "esordienti" della prima edizione del Premio di Narrativa "Federico Fellini" 2012, tradotto in Spagna, Germania, Bulgaria e altri cinque paesi. Il secondo romanzo "E le stelle non stanno a guardare", ambientato sempre al Borgo, è uscito nel 2014 (Salani editore). Conduce il corso di scrittura creativa gastronomica Sapori letterari.

Borgo Propizio torna quindi fra gli scaffali delle librerie e sono sicura che lo farà con quel mix di freschezza e semplicità che Loredana mette in tutte le sue opere...Io intanto ne aspetto l'uscita perché non vedo l'ora di scoprire se Marietta troverà un fidanzato vero!



4 commenti:

  1. Domattina alle 9 sarò la prima ad entrare in libreria e ad uscire con il Borgo stretto al cuore!

    RispondiElimina
  2. spero di leggere presto i primi due della serie e se mi piaceranno lo prenderò subito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me dei due usciti è piaciuto di più il primo...

      Elimina