giovedì 4 giugno 2015

Sulla sedia sbagliata-Sara Rattaro

Incipit ad alta voce


Quanto io adori la scrittura e i racconti di Sara Rattaro ormai non è un segreto per nessuno, "Un uso qualunque di te" mi ha conquistata e "Niente è come te" mi ha tenuta ancorata alla convinzione che questa autrice sa come raccontare la vita con forza e  delicatezza. Inizio così a leggere con voi "Sulla sedia sbagliata", il suo romanzo d'esordio:

Per un attimo rimasi come incantata davanti al trucco di un prestigiatore, le labbra semiaperte e sguardo fisso nel vuoto, precipitando in una realtà parallela ci rimanevo il più a lungo possibile, raggomitolata su me stessa, per proteggermi.
Avevo parlato spesso con la psicologa del carcere. Era una donna minuta alla quale era difficile dare un'età. si chiamava Rita e le piaceva essere chiamata per nome. Avevamo speso tutte le sedute a discutere di quello che era accaduto perché quella piccola donna possedeva la capacità di farmi dire cose che non confessavo nemmeno a me stessa.
Ore passate a ricostruire ricordi recenti e passati. Mi arrovellavo su ogni particolare, anche i più insignificanti, nella speranza che lei sapesse leggerci un altro significato.
le raccontavo dei miei incubi ad occhi aperti, dai lunghi viaggi che intraprendevo durante le attese nella sala colloqui, aspettando che Andrea apparisse dalla solita port e mi fosse concesso il tempo, quasi m ai più di un'ora, di capire che quello purtroppo non era più un sogno.
Rita sosteneva che fosse plausibile che la mente umana utilizzasse tutti i mezzi a disposizione prima di abbandonarsi alla pazzia. Certo le sue parole erano diverse, ma il significato non era tanto lontano. Il ruolo della madre era il più difficile, e forse quella donna così minuta, seduta davanti a me, poteva comprenderlo indipendentemente dal suo lavoro.
Nelle sue parole avrei dovuto trovare consolazione, perché fino a quando la mia mente passeggiava in spazi lontani da tutto quello che era la mia realtà, non ero pazza.

Non vedo l'ora di continuare la lettura...

Nessun commento:

Posta un commento