lunedì 22 giugno 2015

La Stagione del Ritorno-Angela Di Bartolo







Titolo: La Stagione del Ritorno
Autore: Angela Di Bartolo
Editore: Runa Editrice
Pagine: 700
Genere: Fantasy epico
Prezzo: 19.90
Data di pubblicazione: 25 Giugno 2015



Nelle Terre d’Oriente si verificano strani delitti. Savìla e Lirian se ne addossano a vicenda la colpa. Diffidenza e sospetto si spargono come un veleno, dopo secoli di pace si torna a parlare di guerra. Pochi sanno che è un altro, il nemico: un’ombra maligna che penetra le menti degli uomini, che fa leva sul loro orgoglio per asservirli, per spingere i popoli a uno scontro totale.
E la guerra esploderà, feroce fino alla barbarie, coinvolgendo tutte le Terre d’Oriente. L’unica speranza è un fiore d’argento, un talismano che solo un uomo potrà ritrovare.
Sarà un cammino sull’orlo dell’abisso, un arduo viaggio per luoghi remoti ma anche all’interno di sé, a confronto coi propri demoni in una lotta dall’esito mai scontato.
La Stagione del Ritorno è la storia di una discesa all’inferno e di una faticosa risalita, in un difficile percorso di maturazione di individui e popoli verso un nuovo equilibrio.
Universo fantastico e realistico insieme, quello de La Stagione del Ritorno è un mondo dai tratti rinascimentali e mediterranei dove re e contadini, servitori e maghi si muovono tra intrighi di corte e incantesimi, creature del male e battaglie, eroismo e tradimento.
Una storia a più voci narrata con una sensibilità moderna, attenta alle dinamiche interiori e interpersonali, agli interrogativi etici, ai conflitti, ai simboli.
Un fantasy non convenzionale rivolto a lettori che amino immergersi in mondi complessi, lettori in cerca non solo di evasione, ma anche di stimoli di riflessione sui grandi temi dell’esistenza umana.




Angela Di Bartolo è nata a Bologna dove vive tuttora. Laureata in Scienze Politiche, lavora presso il suo Comune come Assistente Sociale. Le sue passioni, oltre alla letteratura, sono il giardinaggio, la storia e l’archeologia.
Negli ultimi anni ha partecipato con successo a concorsi per racconti di genere fantastico, fra i quali il Premio Sentiero dei Draghi con Ottobre (poi pubblicato nell’antologia Il Ritorno, ed. Lulu, 2008), il Trofeo RiLL conPonti (uscito in Cronache da Mondi Incantati, ed. Nexus, 2009), SFIDA con Relitti (in Riflessi di Mondi Incantati, ed. Giochi Uniti, 2010), Nostos (ne Il Carnevale dell’Uomo Cervo e altri racconti, ed. Wild Boar, 2012) e La conquista (inPerchè nulla vada perduto e altri racconti, 2013). Il racconto Proxima è stata pubblicato da Ciesse Edizioni nell’antologia Favole della Mezzanotte, 2011, a cura di Stefano Pastor.
Nel 2014 ha pubblicato l’antologia di racconti fastastici Per altri sentieri (Runa Editrice) e il racconto illustrato per bambini Nero (Runa Editrice).
Nel 2015 il fantasy epico La Stagione del Ritorno (Runa Editrice).


Prefazione dell'editore

Con mano elegante e sicura e uno stile spesso musicale, Angela Di Bartolo, nel suo romanzo fantastico La Stagione del Ritorno, ci accompagna attraverso le Terre d’Oriente, un mondo realistico e conflittuale dalle caratteristiche rinascimentali e mediterranee, a riscoprire valori antichi e tuttavia immortali.
L’autrice rielabora in modo personale i temi caratteristici del fantasy classico. Il viaggio, per esempio, è per i protagonisti anzitutto un percorso nella propria interiorità, in cui il dominio e il sacrificio di sé sono alla fine le carte vincenti. La coscienza del male compiuto e subìto li tormenterà a lungo e la vera vittoria, semmai la guerra possa avere dei vincitori, sarà il ritorno alla propria umanità. Per nessuno di loro sarà facile. Avranno bisogno di umiltà e coraggio per superare il dolore e la colpa, per ritornare ad amare e a vivere.
Il racconto è percorso da una vena di malinconia: il tempo che passa, la giovinezza e la vita destinate a finire sono una sorta di fil rouge cui si contrappongono i valori della memoria e della solidarietà verso gli altri, quali strumenti per superare la morte e la finitezza dell’individuo.
Uno dei temi portanti dell’opera è quello della risposta dell’individuo di fronte al problema del male. Malgrado l’influsso di un’entità malvagia che manipola menti e cuori, gli uomini restano responsabili delle loro scelte, scelte peraltro non prive di contraddizioni: nessuno è del tutto innocente, pochi sono del tutto perfidi. Colpa e nostalgia di innocenza, caduta e redenzione sono i poli fra i quali i personaggi sono costantemente obbligati a muoversi.
Analogamente agli individui, ognuna delle nazioni in guerra ha ragioni e colpe, ferocia e pietà si ritrovano da entrambe le parti. Sull’uno e sull’altro fronte, la ragion di stato impone agli individui laceranti conflitti di coscienza.
La narrazione, che di tanto in tanto apre squarci su un lontano passato, pone di volta in volta in primo piano uno o più personaggi. Gli eventi vengono visti attraverso gli occhi di questi, in una serie di trame e di sottotrame che coinvolgono un gran numero di attori e comparse: soldati e servitori, osti e re, contadini e creature magiche.
Di incredibile bellezza sono le descrizioni dei paesaggi e delle città che scaturiscono dalla penna di Angela Di Bartolo. Lo sguardo rimane incantato innanzi alla natura a volte lussureggiante di valli e fiumi, a volte dura e aspra delle montagne innevate o degli aridi deserti attraverso i quali l’autrice ci accompagna durante questo lungo viaggio.
Conoscendo l’amore dell’autrice per la letteratura fantastica, non ho potuto non notare influenze tolkieniane, assimilate e rielaborate in chiave personale dando vita a un mondo originale, tratteggiato con vivacità e freschezza. Particolare attenzione viene riservata alla psicologia dei personaggi e ai loro intimi drammi, spesso rappresentati in maniera onirica e visionaria, non priva di suggestioni psicanalitiche.
Potrei dilungarmi ulteriormente su La Stagione del Ritorno, ché tanto ci sarebbe da dire, e pure su Angela Di Bartolo, la cui opera rivela una profonda cultura e sensibilità storica, artistica e sociale. Ho preferito limitarmi a queste poche righe per introdurre appena il lettore, lasciando a lui il piacere di scoprire e assaporare la storia… Buona lettura!

Fabio Pinton - Runa Editrice

Ho deciso di condividere con voi anche questa novità che sarà pubblicata fra qualche giorno, fra di voi c'è qualcuno appassionato di fantasy?




Nessun commento:

Posta un commento