sabato 8 agosto 2015

Mistero a Villa del Lieto Tramonto-Minna Lindgreen






Titolo: Mistero a Villa del Lieto Tramonto
Autore: Minna Lindgreen
Editore: Sonzogno
Pagine: 284
Genere: Gialli, mistery e noir
Prezzo: 16.50
Ebook: 4.99



Vicino la cittadina di Helsinki si trova "Villa del Lieto Tramonto", una casa di riposo immersa nella
foresta. Irma e Siiri sono due novantenni ospiti della struttura, che poi dire ospiti è un eufemismo, per quell'appartamentino che occupano pagano tariffe salate che aumentano inspiegabilmente! L'ora del caffè, per loro è un momento di relax, oretta perfetta per la chiacchiere e per gli aggiornamenti riguardanti i nuovi necrologi, passando poi a criticare la poca professionalità del personale. A loro si unisce spesso Anna-Liisa, che con il suo girello accompagna Siiri nei suoi giri in tram, motivo per ammirare i palazzi di Helsinki. Ma Villa del Lieto Tramonto si macchia di mistero quando il giovane cuoco Tero perde la vita. Non più residenza accogliente, ma posto sinistro e inquietante. Le anziane donne si ritroveranno a dover risolvere i misteri nascosti nella residenza aiutate da un "angelo" con il gilet di pelle.
Mistero a Villa del Lieto Tramonto è il primo di una trilogia, dove l'ambientazione è davvero ben
descritta, sembra di fare un giro turistico in tram, con tanto di vie, dove ci vengono nominati quartieri, palazzi e costruttori...Sebbene ben descritta e forse importante ai fini del romanzo ho trovato queste parti un pochino noiose. Levando questa unica, a mio parere, nota lenta, Mistero a villa del Lieto Tramonto ci apre le porte di una realtà tangibile. Vi troviamo una bella residenza per anziani, che è soltanto uno specchietto per le allodole, utile ad incantare i parenti più prossimi dei vecchietti. Varcato l'uscio la realtà è ben diversa, il rispetto per l'anziano, anzi, per l'essere umano come tale non esiste, le umiliazioni sono all'ordine del giorno e i pazienti scompaiono dietro una porta con su scritto "reparto di isolamento". Irma, Siiri e Anna-Liisa, occupate a risolvere le stranezze della residenza sono l'esempio di come le giornate dovrebbero essere arricchite di affetti e di come la morte dovrebbe essere accettata. Hanno una spiccata personalità, condita con l'ironia di chi la vita l'ha vissuta, e malgrado la consapevolezza che stia per finire, voglia viverla fino in fondo.








2 commenti:

  1. A me non è piaciuto...delusione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cuore, devo ammettere che è uno di quei libri che dividono i lettori, io non ho amato la parte delle descrizioni dei giri in tram, forse il fatto che fosse il primo di una trilogia in questo caso è stato penalizzante...

      Elimina