mercoledì 30 settembre 2015

Settembre 2015



Buon pomeriggio lettori, dopo la pausa del mese di Agosto vi aggiorno sui miei nuovi libri arrivati in casa mia nel mese di Settembre...


Come petali sulla neve-Antonella Iuliano- Genesis Publishing
Omaggio Autrice


“Come petali sulla neve 

recisi dallo stesso fiore, 
sospinti da un impetuoso vento 
in remoti luoghi, 
ad appassir lontani.” 
Il giorno in cui scrive questi versi, Philip Shannon sente di aver perso le poche certezze racimolate nella sua vita apolide. È seduto dietro una finestra con il cuore affranto e lo sguardo fisso sull'ultima neve di marzo. 
La sua storia è iniziata soltanto pochi mesi prima, dietro un altro vetro, freddo e umido, a migliaia di chilometri di distanza. Una pioggia insistente, quel giorno, sferzava le strade dove raramente si era avventurato nei suoi lunghi anni trascorsi all'Istituto per orfanelli S. Vincent, in Irlanda del Nord. 
La sua esistenza è una landa desolata dove la neve si è posata così a lungo e il freddo è tale da cristallizzare il passato, come nella fotografia che ha accidentalmente ritrovato nell’archivio dell’Istituto: l’immagine di due bambini troppo simili, e la certezza che uno dei due sia proprio lui, è tutto ciò che ha. Oltre il vetro e la pioggia, esiste qualcuno che è parte della famiglia che non ha mai avuto; qualcuno con il suo stesso aspetto; qualcuno a cui lui appartiene e che gli appartiene. 
Un viaggio a ritroso, tra molte ombre e pochissime luci, sembra destinato a concludersi in un vicolo cieco, ma la sensazione che qualcuno abbia voluto chiudere a doppia mandata ogni uscio che si affacci sulla verità è più forte. 
Adesso Philip è in Inghilterra, dove l’hanno condotto i pochi indizi in suo possesso; ha nuovi amici ma anche più grandi amarezze, perché nulla è andato come si augurava. 
Una resa può essere la migliore delle soluzioni se si tenta di scalare un muro inespugnabile di menzogne e si è costretti a farlo a mani nude, questo Philip lo sa bene il giorno in cui paragona la propria vita e quella del suo gemello ai petali di un fiore disfatto dall'impeto di una tormenta avvenuta oltre vent'anni prima e destinati forse a perdersi per sempre. 
Un amore malato e un nuovo inverno, porteranno le risposte.

Libro in corso di lettura e a cui mi sto appassionando, io l'ho avuto in formato Ebook dall'autrice, ma se voi avete voglia di leggerlo, potete provare a vincerne una copia digitale partecipando al Blogtour che mi vedrà partecipe nella tappa finale in cui scopriremo la recensione, potete già iscrivervi, vi lascio il link della pagina Facebook in cui troverete tutte le spiegazioni:




Florence Gordon-Brian Morton-Sonzogno
Omaggio casa editrice

Florence Gordon ha settantacinque anni e vive a Manhattan. Femminista ebrea divorziata, scrittrice scorbutica, attivista testarda e orgogliosa, detesta la maggior parte delle cose che la gente trova piacevoli e ama mettere gli altri in difficoltà. Mentre è alle prese con la sua settima fatica, un libro di memorie, un articolo del «New York Times» la definisce “patrimonio nazionale”, catapultandola sotto le luci della ribalta e obbligandola a superare quel fi lo spinato che aveva eretto intorno a sé. La situazione precipita quando i suoi “cari” si trasferiscono da Seattle a New York: il figlio Daniel (che ha snobbato le orme letterarie dei genitori per diventare poliziotto), la nuora Janine (psicologa, pronta ad avere una relazione con il suo capo) e la nipote Emily (che sta cercando di capire cosa fare di una problematica storia d’amore). Tra i quattro, giorno dopo giorno, si intreccia una commedia irresistibile, all’insegna di una crudele sincerità ma anche di una sorprendente complicità emotiva. L’anziana signora, i cui corrosivi commenti sono una sorta di “versione di Barney” al femminile, non risparmia niente e nessuno. E forse proprio per questo i personaggi che la circondano (e i lettori di questo libro) finiranno per affezionarsi a lei e non poter più fare a meno della sua voce.

Un libro che forse avete già imparato a conoscere attraverso la citazione riportata sul blog e la recensione pubblicata qualche giorno fa, un personaggio particolare la nostra Florence!


Le fragili attese-Mattia Signorini-Marsilio

Questa è la storia della Pensione Palomar, una vecchio stabile a due piani nel quartiere periferico di una grande città. Osservandola dalla strada, incastrata tra due palazzi, sembra appartenere a un tempo che non è più. È la storia di Italo, il proprietario, che a quasi ottant'anni ha deciso di chiudere per sempre. Osserva passare gli ultimi giorni seduto dietro al bancone, mentre rilegge vecchie lettere d'amore scritte da una ragazza negli anni Cinquanta. È anche la storia dei suoi ultimi ospiti: Guido, un professore d’inglese che deve insegnare a parlare a una bambina muta; Lucio Ormea, un uomo alla ricerca del padre che non vede da quando era piccolo; Il generale in pensione Adolfo Trento, convinto che la soluzione di ogni pace stia nella guerra; Ingrid, un'arpista con il polso spezzato che lavora come cassiera al supermercato e di notte si accompagna a uomini conosciuti per caso; e infine la domestica Emma, che ha fatto della Pensione Palomar la sua casa da ormai troppo tempo. Sono tutte persone ferme ai margini di un mondo che corre troppo veloce, in attesa che arrivi qualcosa, forse un treno che li porti via, verso una direzione qualsiasi, prima che sia troppo tardi. Mattia Signorini ci regala un delicato e intenso romanzo sulle attese in cui, tra speranze e delusioni, capita che la nostra vita si incagli. Attese spesso lunghe, fragili, a volte senza fine.

Comprato in formato Ebook, letto ma ancora da recensire è stato una bella scoperta, non dico altro!!!


Poche entrate questo mese, tutte in formato digitale...aspetto di vedere cosa mi porterà il mese di Ottobre! E voi? Cosa ne pensate? Quale avete letto e quale vorreste leggere?


2 commenti:

  1. Il libro di Antonella è bellissimo, Florence Gordon l'ho abbandonato, ho bisogno di dolcezza io, forse lo riprenderò vediamo...Le fragili attese è una delle mie prossime letture :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso espormi sul libro di Antonella, perchè sai che a me tocca la recensione e non voglio anticipare nulla, di Florence Gordon ne abbiamo parlato e riparlato, le fragili attese...una bella scoperta!

      Elimina