mercoledì 30 dicembre 2015

Miracolo in una notte d'inverno-Marko Leino



Lettori, eccoci qui con l'ultimo post dell'anno, vi avevo già fatto conoscere questo libro attraverso una sua bellissima citazione...adesso il mio pensiero completo!












Titolo: Miracolo in una notte d'inverno
Autore: Marko Leino
Editore: Feltrinelli
Pagine: 268
Genere: Narrativa contemporanea
Ebook: € 9.99



Sono due bambini che giocano in riva al mare a far rivivere la leggenda dell'uomo vestito di rosso attraverso le parole del nonno. Grazie al loro gioco preferito, gettare in acqua una macchinina, per poi riprenderla, riportano a galla una scatola dalle belle decorazioni intagliate, chiusa con un lucchetto. Decidono di aprirla aiutati dal nonno, dentro vi trovano un orologio da taschino e un biglietto:

"Felice Natale, cara piccola Ada. Tuo fratello Nikolas"

Ed è così, che il nonno pieno di stupore inizia a raccontare ai due nipoti la storia di un bambino che viveva su un'isola, quando ancora Korvajoky era un piccolo villaggio di pescatori, un bimbo che a soli cinque anni perde in un naufragio i genitori e la sorellina. Nikolas resterà apparentemente solo e senza affetti, verrà adottato da tutte le famiglie del villaggio che se ne occuperanno soltanto per un anno, per poi fargli cambiare famiglia, fino a quando anche per lui arriverà inaspettatamente la stabilità di una casa. 
Voliamo con la mente verso quel freddissimo villaggio di poveri pescatori, ci arriviamo in compagnia di un bambino distrutto dal dolore, con pochi ricordi portati dietro da quella casetta con il camino acceso. Un bambino spaesato, che preferisce starsene in un angolo piuttosto che affezionarsi a qualcuno, perché lo sa, per lui è stato deciso che non avrà una famiglia stabile. Nikolas però capisce, lo vede dai pasti, dai giochi dei piccoli, dai giacigli sui quali dormire. Nonostante sia piccolo anche lui comprende che non è la cattiveria a guidare la ragione di quelle persone, ma è la povertà e l'incertezza del futuro. Accetta così la sua nuova vita e nonostante l'impegno che ci mette, non riesce a non affezionarsi alle famiglie in cui ha vissuto. E' in queste circostanze che decide di "donare" per ricambiare l'affetto ricevuto.
Il tempo continua la sua corsa e da bambino Nikolas diventa ragazzo, per poi trasformarsi in un uomo che decide di vivere da solo, là dove tanti anni prima, un altro uomo solo di nome Isak lo ha accolto donandogli una casa e tutto il suo sapere riguardo l'arte della falegnameria. Ha rapporti con pochissime persone, e ormai è solo Ada, la figlia del suo caro amico Emil a fargli visita...
Credo che "Miracolo in una notte d'inverno" non sia la fiaba da raccontare ai bambini riguardo la storia di Babbo Natale, non lo apprezzerebbero se non con le relative spiegazioni degli adulti. Penso sia un romanzo per noi grandicelli che ci dimentichiamo spesso e con troppa facilità di essere aperti verso gli altri. Un romanzo dolce e amaro, di amicizia e infine di mistero, da leggere come il calendario dell'avvento, una finestra al giorno! Un unico inconveniente, fa venir voglia di vedere l'aurora boreale!


"Per leggere questo libro non è necessario essere amanti del Natale e nemmeno credere nella leggenda di Babbo Natale. Questo libro è per tutti coloro che credono, trecentosessantacinque giorni all'anno, all'esistenza dell'amore puro." 
Marko Leino





Marko Leino, nato nel 1967, ha scritto romanzi, pièces teatrali, raccolte di poesie, tradotti in numerosi Paesi. È anche uno dei più quotati sceneggiatori finlandesi e autore di molti film di successo. In Finlandia, "In trappola" ha vinto il Premio per il miglior thriller 2010.




2 commenti:

  1. Una lettura magica che sono felice di aver condiviso con te! :) Devo ancora scrivere la recensione!

    RispondiElimina