martedì 5 maggio 2015

Intervista Semi-seria

Buongiorno lettori, quando i ruoli si capovolgono e uno scrittore emergente decide di intervistare un blogger, viene fuori questo "botta e risposta" che io ho prelevato dal sito de "I Caduti di Pietra" di Giuseppe Russo e che propongo a voi in modo che mi conosciate meglio.....




Ecco l'intervista (semi)seria alla gentilissima Nunzia del Blog LIBROPATIA (che consiglio di visitare immediatamente!). Le sue risposte, molto pungenti, ci permetteranno di capire il perché di questa scelta culturale.  
Buona lettura    
Iniziamo con le presentazioni. Descriviti
Sono Nunzia, ho una laurea in operatore di servizio sociale, un lavoro che mi piace, ma che per adesso ho accantonato perché ho finalmente trovato quello che tutti cercano, un lavoro full-time a tempo indeterminato, faccio la mamma. 
                 

                 
Nunzia, un blog con quel nome? Sembra una patologia! Ma dai, perché?  
Il mio blog ha un nome insolito forse, fa pensare ad una malattia, me lo hanno detto in tanti ed è stato oggetto di discussione fra amici, ma io non lo trovo affatto strano. I lettori hanno delle piccole manie da cui è difficile allontanarsi, per fare alcuni esempi: c'è chi i libri da leggere li tiene solo sul comodino, chi annusa le pagine dei libri, chi li ripone in libreria seguendo un ordine maniacale, io ho racchiuso i lettori in un grande girone, sperando che non si offendano,...quello dei Libropatici! 
                 
                 
Il futuro lo immagini in una stanza con tanti libri, o con tanti schermi? e perché? 
Il futuro non lo immagino spesso, ma se proprio devo fare uno sforzo per rispondere alla domanda,  dico che lo vedo con tanti libri e uno schermo, uno solo, in fondo piace a tutti essere informati attraverso le immagini e stare accoccolati a guardare un bel film, e poi, non vorrei mai perdermi le nuove puntate di Peppa Pig..!! 
                
Sono catastrofico! Puoi salvare un solo libro. Quale salvi?  
Allora Giuseppe, ricordati di non fare mai una domanda del genere ad un lettore, non si può scegliere un solo libro da salvare, so di certo quello che non salverei, ma non chiedermi quale! (spero non il mio!!!! nota dell'autore. Si era capito ?
                 
                 
Fai per un attimo l'egocentrica! Quale domanda ti aspetti dal mondo? Visto che ci sei...rispondi!  
Perchè il mondo dovrebbe fare una domanda a me? Forse perché il Solo che potrebbe dare risposte è un tantinello impegnato.....                   
Grazie a Nunzia per le sue simpatiche e pungenti risposte! Se queste sono le premesse, non oso immaginare come possa essere interessante seguirla costantemente sul suo blog. 

Ringrazio ancora Giuseppe che mi ha dato l'occasione di sgusciare dal virtuale e arrivare a voi lettori direttamente, magari colmando qualche vostra curiosità.

GRAZIE!

4 commenti: