sabato 3 ottobre 2015

Chissà se stai dormendo-Josie Lloyd, Emlyn Rees



Mi trovo fra le mani un libro che mi serve per concludere la seconda tappa di una challenge a cui sto partecipando, a primo impatto mi sembra un libro leggero e leggendo la trama mi sono fatta la mia idea di storia...Vi propongo l'incipit, ma non ditemi come andrà a finire!

Mettiamo che tu sia una ragazza. Mettiamo che tu sia una ragazza e che ti trovi a una festa, o in un pub, o in un locale qualsiasi e che io mi avvicini.
Mettiamo che tu non mi abbia mai visto prima.
Un paio di cose le noterai subito. Sono poco più di uno e ottanta, i corporatura media. Se ci stringiamo la mano, noterai che ho una stretta forte e le unghie pulite. Gli occhi sono scuri come i capelli e una cicatrice attraversa il mio sopracciglio sinistro. A occhio e croce dirai che sono tra i venticinque e i trenta.
Mettiamo che quello che vedi ti piaccia al punto che cominci a parlare con me.
Fremo due chiacchiere, e se ci troveremo bene scoprirai altre cose. Ti dirò che mi chiamo Jack Rossister. Se mi chiederai della cicatrice, ti dirò che il mio migliore amico, Matt Davies, mi sparò con una pistola ad aria compressa quando avevo dodici anni. Ti dirò che sono stato fortunato a non perdere l'occhio e che mia madre non fece entrare in casa Matt per un anno. Ti dirò che oggi Matt è meno instabile, al punto che mi sento sicuro a vivere sotto lo stesso tetto con lui. Ti dirò che lavora per uno studio legale al centro, ma non ti dirò che lui è il padrone di casa e che gli pago l'affitto. Mi chiederai com'è la casa e io ti dirò che è un vecchio pub ristrutturato nella zona ovest di Londra e che sì, abbiamo tenuto il biliardo e le freccette e il bancone, ma no, non permettiamo più all'ubriaco molesto che di solito sedeva  incazzato in un angolo di venire ancora. Ti dirò anche del giardino, che è grande e incolto.


Contenta per il fatto che Jack dichiara di avere le unghie pulite, mi assento per continuare la mia lettura...

Nessun commento:

Posta un commento